Microsoft e la carbon footprint

Microsoft e la carbon footprint: sfida alla rimozione dei gas Co2

microsoft-alessandrodangelo-website-ecommerce-webdesigner-sitiweb

La carbon footprint non è altro che un parametro utilizzato per stimare le emissioni di gas serra generate da un prodotto, da un servizio, da un’organizzazione, da un evento o da un individuo. La carbon footprint viene solitamente espressa in tonnellate di anidride carbonica. Quelle prodotte ogni anno dalla Microsoft sono ad esempio 16 milioni. Lo scorso 16 gennaio, attraverso una conferenza stampa mondiale, il presidente della Microsoft Brad Smith ha annunciato che entro il 2030 l’azienda di Redmond sarà totalmente Carbon Negative e cioè non solo non creerà più emissioni, ma contribuirà attivamente a rimuovere la CO2 dall’atmosfera. 

microsoft-alessandrodangelo-website-ecommerce-webdesigner-sitiweb

Per raggiungere questo scopo sfidante, ma possibile, la direttrice finanziaria Amy Hood ha annunciato un piano di investimento di un miliardo di dollari nei prossimi quattro anni. Ma non è tutto: entro il 2050 Microsoft si attiverà per eliminare dall’atmosfera le sue emissioni “storiche”, ovvero la somma delle emissioni generate dall’azienda a partire dall’anno della sua fondazione, il 1975.

1 comment

Commenta